Educare alla parità di genere. (EPA) Viaggio alla scoperta della costruzione e de-costruzione sociale del genere nella lingua, nei linguaggi e nel mondo delle cose.

Educare alla parità significa promuovere una cultura dell’uguaglianza, all’interno della quale la diversità tra uomini e donne viene concepita come risorsa e non come elemento discriminante. Per tale motivo, centrale risulta il ruolo di educatori/educatrici, genitori e formatori/formatrici nello sviluppo di uno spirito critico che possa favorire la libera costruzione di sé e la libera espressione dell’altro.

Occuparsi di genere significa occuparsi dei ruoli che la società, per cultura e tradizione, associa a un determinato sesso piuttosto che a un altro, concependo tale diversità come il frutto e la naturale conseguenza di una diversità biologica tra uomo e donna.

Pertanto risulta necessario, per gli/le educatori/educatrici, possedere una giusta dose di consapevolezza, non soltanto in quanto persone appartenenti a una cultura non-neutra, ma anche (e soprattutto) in quanto operatori/operatrici all’interno del settore educativo.

man-2808501_960_720-e1513806726351

Edizioni del corso “Educare alla parità di genere. (EPA) Costruzione e de-costruzione sociale del genere nella lingua, nei linguaggi e nel mondo delle cose”

  • Sede: Roma(RM)    Data:   Codice identificativo:  Relatrici:
  • Sede: Lodi-Melegnano(LO)  Data:    Codice identificativo:  Relatrici:
  • Sede: Avola-Noto(SR)  Data:    Codice identificativo:  Relatrici:

 

Obiettivi del corso

  • Fornire un’approfondita conoscenza degli stereotipi di genere, e dei loro ambiti di azione e trasmissione.
  • Sviluppare senso critico in relazione al riconoscimento e all’abbattimento degli stereotipi di genere.
  • Fornire un approccio pedagogico e psicopedagogico in relazione alle questioni di genere.
  • Incrementare la conoscenza giuridica volta alla promozione dell’equità di genere.
  • Promuovere la conoscenza di famiglia/e e ruoli genitoriali in ambito giuridico ed educativo.
  • Definire e fornire gli strumenti necessari per una consapevole costruzione di sé e della propria identità di genere.
  • Definire e fornire gli strumenti necessari al fine di instaurare equi rapporti interpersonali.
  • Fornire modelli di buone pratiche di equità nella lingua, nei linguaggi e nel mondo delle cose.
  • Promuovere una fruttuosa collaborazione tra educatori/educatrici, enti di formazione, scuole e famiglie.
  • Eliminare la sovrapposizione priva di fondamento tra Studi di genere e Teoria gender.
  • Offrire percorsi concreti e proposte operative per educare a una cittadinanza attiva e paritaria

 

Programma del corso

Parte 1 – Gli stereotipi di genere (4 ore)

  • Differenza tra studi di genere e teoria gender
  • Studi di genere in Italia e in Europa
  • Che cosa sono gli stereotipi di genere. Caratteristiche, canali, conseguenze, rafforzamento e sedimentazione degli stereotipi
  • Il ruolo dell’insegnante nel quadro di costruzione o de-costruzione degli stereotipi di genere
  • La percezione e costruzione di sé e dell’altro all’interno di una cultura stereotipata (contributo psicologhe e pedagogiste)

 

Parte 2 –  Lingua e linguaggi, per una comunicazione non sessista (4 ore)

  • Che genere di lingua? La lingua italiana è una lingua neutra?
  • La questione del potere, linguistico e non
  • Un altro genere di lingua attraverso l’uso non sessista della lingua italiana. Esempi.
  • Linguaggi non verbali
  • La comunicazione a scuola e Il linguaggio nei libri di testo

 

Laboratorio sul linguaggio (3 ore)

  • Grammatica ludica
  • Narrazioni animate (kamishibai)
  • Il racconto per immagini: graphic novel, street art, murales…

 

Parte 3 – Assenze e presenze femminili (4 ore)

  • Perché le donne non compaiono all’interno dei testi scolastici di scienze, storia, biologia, matematica? Le ragioni sono storiche, culturali o biologiche?
  • Esempio di attività volta al contrasto di tale discriminazione: Toponomastica femminile
  • Le STEM e il gap di genere, il ruolo dell’educazione e i condizionamenti culturali
  • Le due culture e i concetti di “duro” e di “molle” quando si parla di conoscenza.
  • Analisi quantitativa e statistica del Gender Gap nei diversi settori lavorativi: presenze, titoli, competenze, salari, progressioni di carriera.

 

Le STEM in mostra (on-line e, su richiesta, in presenza)

 

Laboratorio multimediale on line: Il linguaggio urbano (3 ore)

  • Rileggere il territorio. Toponomastica e segnaletica stradale
  • Il Memory street
  • Cartellonistica pubblicitaria e altre forme di marketing

 

Parte 6 – Diritto e parità di genere (3 ore)

  • Pari opportunità e parità di genere nel mondo del diritto italiano ed europeo
  • Il cognome coatto
  • In toga con il nome adeguato: le professioni giuridiche al femminile

 

Parte 7 – Famiglie, ruoli genitoriali e collaborazione tra educatori/educatrici ed enti di formazione. (4 ore)

  • Dalla famiglia tradizionale alla famiglia reale.
  • Che tipo di madre?
  • Che tipo di padre?
  • Che tipo di prole?
  • Il cambiamento culturale attraverso la collaborazione tra famiglie, scuola e ogni altro ente di formazionee.

 

Destinatari e destinatarie del corso

Docenti di scuola dell’infanzia, di scuola primaria, di scuola secondaria di I grado e di scuola secondaria di II grado.

 

 

Modalità di erogazione del corso

I corsi si svolgeranno in modalità blended (mista). Ciò significa che gli ambienti di apprendimento saranno diversi. Alle lezioni frontali, in aula, verranno associate lezioni che si svolgeranno in e-learning (didattica interattiva a distanza, attraverso tecnologie multimediali e internet).

Il monte ore può essere articolato in un numero di incontri compresi tra 4 (modalità intensiva, di sabato) e 7 (modalità non intensiva, nei giorni di venerdì pomeriggio e sabato).

 

Materiali utilizzati

All’interno del corso di formazione è previsto l’utilizzo di svariati e differenti materiali, ovvero Lim, cd-rom, videoproiettore, pc, slide, video, tablet, dispense, web.

 

Totale ore corso

25 ore

Costo

100 euro

È possibile effettuare il pagamento attraverso la carta del docente,
oppure attraverso bonifico all’ IBAN dell’ Associazione “F&M”:
IT 78P0623003203000035901874

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...